Luoghi

LE MOSCHEE

La Moschea di Selimiye

Costruita nel 1209 1326, durante il periodo dei Lusignano, uno dei pi meravigliosi esempi dellarchitettura gotica. Originalmente era una cattedrale, conosciuta come la cattedrale di Santa Sofia. Dopo la conquista Ottomana, fu trasformata in Moschea con laggiunta di due minareti, un pulpito ed un altare.

La Moschea di Arab Ahmet

Questa Moschea fu eretta dagli Ottomani nel 1845, ma la sua cupola in stile XVI sec. Nel cortile della Moschea vi ancora unantica fontanella per le abluzioni.

La Moschea di Haidar Pasci (Cattedrale di Santa Caterina)

Si tratta di unaffascinante chiesa gotica del XIV secolo. Dopo la conquista di Cipro da parte degli Ottomani, fu trasformata in Moschea. Attualmente ospita una galleria permanente darte, dove gli artisti turco-ciprioti e turchi tengono le loro mostre.

Byk Han (Grande locanda)

Questa costruzione su due piani, paragonabile oggi ad un motel, fu eretta nel 1572 da Muzafer Pasha, il primo Governatore ottomano a Cipro. Comprende 68 camere in forma rettangolare e una moschea nel centro del cortile. Si tratta di un esempio tipico che ricalca i centri commerciali che si trovano allinterno dellAnatolia.

La Casa signorile di Dervish Pash

Questa casa signorile, su due piani, si trova entro le mura di Lefkosa, nel quartiere di Arab Ahmet, dove sorgono innumerevoli costruzioni di interesse storico e architettonico. Fu costruita nel XIX secolo da Dervish Pasha ed oggi utilizzata come Museo Etnografico.

Mevlev i tekke

Non lontano dalla porta di Kyrenia sorge il monastero dei Dervishi Danzanti, dove un ordine religioso, fondato nel XIII secolo dal poeta Jelal el din Roumi Mevlana, teneva i propri rituali. "Mevlana" il nome di una danza che si effettua con il palmo in s verso il cielo e laltra in gi verso la terra. Le credenze dicono che i Dervishi vedevano il genere umano come un ponte che congiungeva le sfere celesti e terrestri. Questo edificio ora un museo di arti ed artigianato turchi.

Bedesten

Questa antica metropoli ortodossa, che fu convertita in un mercato (Bedesten) durante il regno ottomano, situata non lontano dalla cattedrale di Santa Sofia. Il mercato stato ricavato da quelle che erano un tempo le chiese e che in seguito divennero magazzini di cereali. Nel retro vi era una grande sala dove i commercianti tessevano le loro trattative. Di interesse artistico il tetto del salone in legno dipinto in stile ottomano.

La chiesa e il monastero di S. Barnabas Salamina