Luoghi

SALAMINA: NOVEMILA ANNI DI STORIA E CULTURA

Secondo gli storici lantica citt di Salamina fu fondata da Teucro, fratello di Aiace Talamonio, sulla via del ritorno dalla guerra di Troia. Allepoca dellimpero romano, Salamina era il pi grande centro commerciale dellimpero doriente.La nascita e la rapida crescita di Salamina come porto sul golfo di Famagosta portarono al declino definitivo di Enkomi-Alasia che linsabbiamento progressivo della costa aveva spinto sempre pi allinterno. Nellepoca dello splendore delle citt-stato indipendenti (VII secolo a.C.), Salamis divenne il centro culturale ed economico pi importante dellintera isola.Dopo complesse lotte dinastiche il re Onesilo, deposto un familiare, si mise alla testa di unalleanza di citt contro il potente dominatore persiano. Evagora I, uno dei suoi successori, fu a capo di una seconda alleanza filo ellenica che, pur senza riuscire a sconfiggere le armate persiane, riusci a trattare una sottomissione abbastanza onorevole e conveniente allinquietante e potente vicino.

La rapida conquista macedone vide Salamis schierata a fianco di Alessandro Magno ma durante il periodo seguente alti e bassi segnarono la storia della citt. Conquistata dai Tolomei dEgitto dopo un lungo assedio, Salamis rimase in epoca romana uno scalo marittimo importante e, in epoca cristiana, qui nacque e mor lapostolo San Barnaba. I violenti tumulti della rivolta ebraica che nel 116 d.c. portarono al massacro dei gentili di Salamis causarono, dopo la riconquista da parte dei soldati romani, lesilio di tutti gli ebrei che sarebbe durato fino all800. Lepoca del dominio Bizantino vide la citt ancora al centro della storia cipriota. La citt, distrutta da un terremoto nel IV secolo d.C., fu ricostruita e ribattezzata Costantia dallImperatore Costantino. Fu sede vescovile, come testimoniano i resti delle sue basiliche. Nel 648 fu nuovamente distrutta, questa volta dagli invasori arabi, e da allora non venne pi ricostruita. Salamina, lantica citt che giace in una delle pi lunghe e belle spiagge sabbiose di Cipro, vicino ad una verde vegetazione, fa rivivere al visitatore il suo vecchio splendore attraverso lanfiteatro romano, il pi grande di Cipro, o il ginnasio, i bagni, il mercato, insieme con le innumerevoli statue.

Enkomi

Fin dal 2000 a.C. Enkomi era un importante centro commerciale industriale e culturale del Mediterraneo. Riguardevole infatti era la sua attivit di esportazione del rame di Cipro. Enkomi fu distrutta quasi completamente da un incendio intorno al X secolo a seguito di un terremoto. Dopo questo disastro nessuno cerc pi di ricostruire la citt che venne abbandonata a causa dellallontanamento progressivo della costa e della nascita e sviluppo della vicina Salamis.

Il Monastero di S. Barnabas

S. Barnabas nacque da una famiglia ebrea e fu educato a Gerusalemme. Narrano che Barnabas, insieme con Paolo e Marco, raggiunse Cipro nel 46 d.C. per portare la nuova religione in questisola ancora prevalentemente pagana. Quando ritorn a Salamina predic il cristianesimo e per questa ragione fu ucciso e sotterrato sotto ad un albero di carrubo. Con lui fu seppellita anche una copia del Vangelo di S. Matteo che portava sempre con s. La sua tomba venne scoperta nel V secolo dallarcivescovo di Costantia, Artemio. Sul luogo di quella scoperta venne poi fondato il monastero omonimo. Distrutto dai saraceni durante la loro conquista dellisola, venne in seguito riedificato, cosi come si vede oggi, nel 1726 dallarcivescovo Philotheos. Lo si pu oggi ammirare a pochi passi dallantica citt di Salamina nel suo splendore darte bizantino-ortodossa.

Ayios Philon

Ayios Philon un complesso residenziale che risale al IV secolo e consiste in un cortile, in un palazzo vescovile, in una basilica ed in altre costruzioni di minor importanza. Questo complesso fu costruito sulle fondamenta di strutture romane ed elleniche preesistenti. Nel XII secolo una chiesa bizantina fu edificata al posto della basilica latina.

Il Museo di Cambulat

Cambulat era un ufficiale di alto rango nella spedizione turca del 1570. Dopo la conquista di Nicosia da parte dei Turchi, la Grande Armata assedi Famagosta. Cambulat era tra gli ufficiali che comandava lesercito turco contro la strenue difesa dei Veneziani. Secondo la leggenda, Cambulat lanci la propria montatura verso lentrata, che era il punto di maggior resistenza delle mura veneziane, e cosi venne ucciso. Ma questo atto di eroismo fece si che le porte di Famagosta si aprissero per la sua armata. Venne sepolto nel bastione per il quale egli diede la vita ed una tomba venne eretta sul posto. Lentrata che porta alla tomba fu trasformata in Museo nel 1968, dove si possono ammirare molti bellissimi esempi della cultura turca.

Le tombe dei Re

Per la costruzione delle tombe dei Re si utilizzavano, in quellepoca remota, immensi blocchi di pietra calcarea ed argilla. Gli scavi effettuati rivelarono lo stile architettonico delle tombe, e gli usi e costumi dei funerali Micenei. A quellepoca il morto veniva sepolto con tutti i suoi averi. Durante gli scavi del 1964, infatti, furono portati alla luce gli scheletri dei cavalli, completi di sella ed ornamenti, nonch carri e vasi. Ci stava a significare che i Re erano stati sepolti insieme alle loro cavalcature in segno di rispetto. Allinterno delle tombe sono stati trovati numerosi oggetti di uso quotidiano che, nelle credenze dellepoca micenea come nella cultura egizia, avrebbero dovuto essere utilizzati dal defunto nellaldil.

ISKELE (Trikomo)

Sulla piazza principale dellabitato si trova la piccola cappella di S. Giacomo. Uscendo dallabitato si raggiunge la chiesa di S. Teodoro (Panagia Theotokos) che ospita uninteressante Museo di Icone. Ledificio costruito nel XIII secolo, fu decorato da una serie di affreschi che sono tra i pi interessanti di Cipro Nord.

Le moschee di Cipro Nord